CSV Excel CSV
Blog

Novità di rapidmail: assegnate degli identificatori ai vostri abbonati alle newsletter!

image

La nuova gestione degli identificatori per i vostri abbonati alle newsletter è pronta! Con questa funzione nuova di zecca, che dagli esperti è conosciuta come tagging oppure funzione tag, potete assegnare ai vostri destinatari degli identificatori, ad es. come “nuovo cliente” oppure “amanti del cioccolato”. Gli abbonati alle newsletter, infatti, non sono certamente tutti uguali. Potete quindi suddividere già da ora i destinatari delle vostre newsletter in diversi gruppi d’interesse o d’acquisto per inviare le newsletter in modo più mirato in relazione ai gruppi specifici.

Che cosa è la gestione degli identificatori per gli abbonati alle newsletter?

 Con la nuova gestione degli identificatori potete suddividere i destinatari in diverse categorie. Al termine,  potete inviare le vostre newsletter agli abbonati scelti, cui è stato assegnato uno specifico identificatore o tag. Ad esempio, potete assegnare gli identificatori in base ai seguenti criteri di selezione:

  • Gruppi d’acquisto: i diversi comportamenti d’acquisto dei clienti sono classificati differenziandoli per mezzo degli identificatori, ad es., considerando il mercato di drogheria: “acquista solo articoli con sconti” mentre il comportamento opposto sarebbe, “disposto a comprare a  prezzi alti”, oppure, “compra solo prodotti della casa” contro, “acquista solo prodotti di marca”.
  • Gruppi d’interesse: I diversi interessi degli abbonati possono, ad es. individuati attraverso un sondaggio in modo da definire gli identificatori.
         - Un esempio per un cinema: “Film d’azione” contro “film romantici”,
           oppure “Film noir” contro “Film comico”
         - Un altro esempio, una scuola: “corsi di lingue” contro “corsi
           d’informatica” oppure, “corsi intera giornata” e “corsi serali”
  • Livelli di competenza: i diversi livelli possono essere differenziati attraverso identificatori, ad es. per una scuola di sci, gli allievi possono essere identificati in categorie come “Principianti” contro “Esperti” o “Livello avanzato”

Come posso usare la gestione degli identificatori nel modo migliore?

Oltre alla nuova gestione  degli identificatori potete anche suddividere e classificare i destinatari in segmenti , che si riferiscono anzitutto al comportamento dei destinatari (aperture delle newsletter e click) e ai loro dati specifici (nome, età, CAP, data di nascita). 

Con la suddivisione aggiuntiva degli identificatori, vi è possibile ora inviare messaggi ai vostri abbonati in modo ancora più mirato, differenziando i vostri destinatari, ad esempio, in base ai loro gusti personali o agli specifici campi d’interesse. L’abbonato appassionato di calcio non riceverà più pertanto nessuna newsletter con un invito per un evento riguardante un balletto o un messaggio concernente il mondo femminile oppure lontano dai suoi interessi.  

Consideriamo un esempio pratico:

1. Supponiamo di essere una libreria e vogliamo inviare una newsletter. Nella newsletter vogliamo fare pubblicità informando su uno sconto per tutti i libri di cucina che contengono ricette di fitness. Nel nostro elenco di destinatari abbiamo Sabina e Maria.

2. Osserviamo questi dati e a prima vista sembra che la newsletter con i libri di cucina per il fitness possa essere interessante nella stessa misura per Sabina e Maria.

3. Grazie a un sondaggio però abbiamo potuto scoprire altre informazioni su entrambe:

image

Dalle informazioni su Maria possiamo dedurre che attualmente ha poco tempo o interesse per provare ogni sera delle nuove ricette per il fitness. È quindi davvero poco probabile che apra la nostra newsletter con l’oggetto “50% di sconto su tutti i libri di ricette per il fitness”.

4. TUTTAVIA: per fortuna possiamo identificare Maria nell’elenco dei destinatari, grazie alla nuova gestione degli identificatori, con le parole chiave “Management”, “Letteratura specialistica” e “Moda”. Sabina, invece, con gli identificatori “Fitness” e “Salute”. Sabina si rallegrerà, quindi, riguardo alle nuove ispirazioni grazie alle ricette, mentre Maria non riceverà le nostre newsletter sulle ricette per il fitness (e pertanto non ne sarà certamente addolorata …). Da ora entrambe ricevono solo informazioni e offerte su libri il cui tema interessa loro veramente!

Quali sono i vantaggi della gestione degli identificatori?

  • I vostri abbonati alla newsletter ricevono pertanto, grazie alle specifiche indicazioni e preferenze individuali, degli impulsi più mirati e rispettosi degli interessi, che potranno apprezzare meglio.
  • Un gruppo target preciso e classificato può essere contattato in modo più mirato, in tal modo ciò risulta anche vantaggioso, poiché risparmierete costi pubblicitari e potrete indirizzare meglio il messaggio aziendale.
  • I vostri clienti non ricevono perciò da parte vostra nessuna newsletter pubblicitaria che non rifletta il loro interesse
  • C’è la possibilità di una suddivisione addizionale dei destinatari senza dovere per questo usare i campi extra nella gestione dei segmenti e doverli gestire manualmente

Come posso creare con rapidmail gli identificatori per i destinatari delle mie newsletter?

Con rapidmail è possibile assegnare gli identificatori in modo semplice e con pochi click. Grazie alla nostra guida passo per passo non può che andare tutto al meglio!


nessuna parola chiave
pubblicato: 16.01.2020

Tutti i post del Blog
%

Registratevi entro il 30.11.2021
e approfittate di un invio gratuito omaggio fino a 2.000 destinatari.

Registrazione gratuita