CSV Excel CSV
Blog

Le grandi pulizie di primavera nella campagna di marketing email – con 8 passi in forma perfetta per la primavera

Dopo un inverno più o meno lungo i primi raggi di sole riescono di nuovo ad attraversare la scura coltre di nubi – la primavera è alle porte. I tedeschi, amanti dell’ordine e leggermente pedanti, sanno esattamente cosa significa: ora è il tempo delle pulizie di primavera! //Chiunque sia amante dell’ordine sa esattamente cosa significa: ora è il tempo delle pulizie di primavera!

Da noi non Vi aspettate di certo preziosi consigli per far sparire le ominose macchie sul divano o per lasciar risplendere le Vostre finestre con i più semplici rimedi casalinghi. Anche noi tuttavia avvertiamo quest’atmosfera da pulizie primaverili ed abbiamo preparato un elenco di punti con cui potrete tirare a lucido in un attimo le Vostre campagne di marketing email e fare in modo che il Vostro account newsletter si presenti in forma perfetta per la primavera.

  1. Verificate i Vostri templates
    Quale template usate per spedire la Vostra newsletter? È in armonia con il Vostro corporate design e con il messaggio che desiderate trasmettere? È ancora al passo coi tempi? Siate sinceri: da quanto tempo usate sempre lo stesso template? In linea di massima non sussiste alcuna ragione che vieti di utilizzare per anni il medesimo template, tuttavia andrebbero apportati periodicamente piccoli aggiornamenti come correzioni del logo aziendale, modifiche dell’informazione legale e dei link. Inoltre col passare del tempo cambiano anche le aspettative nei confronti di una newsletter. Ci avete mai pensato? Se non lo avete ancora fatto, questo è il momento giusto!

  2. Siete già responsive?
    Il fatto che i terminali mobili detengano una quota sempre più grande dell’intero traffico internet non costituisce per noi nulla di nuovo: infatti l’internet mobile non è più un fenomeno di tendenza, ma una realtà. Già oggi il 43% di tutte le email vengono aperte su terminali mobili – e questa percentuale è in crescita. Se desiderate saperne di più leggete il nostro articolo sull‘ottimizzazione delle newsletter per terminali mobili. Se non utilizzate ancora un template con responsive design, potete eseguire unitamente i punti 1 e 2 e scegliere uno dei nostri templates appositamente creati per utenti mobili. Così Vi presenterete ai Vostri lettori sempre in perfetto stile.

  3. Aggiornamento del template
    Avete un template con cui create newsletter in modo semplice e veloce, senza dovervi occupare ogni volta di stressanti modifiche del design, parametri di tracking o tasti per i social network? Un tale template naturalmente facilita il lavoro in modo enorme. Tuttavia spesso si dimentica di controllarne i singoli elementi, prima dell’invio, perché si pensa che il template rimane comunque sempre uguale. Eppure così insorge un problema: il template non viene aggiornato se per esempio si è effettuato un relaunch della pagina web o se la firma elettronica è stata modificata. Pertanto approfittate delle nostre pulizie di primavera e controllate per una volta accuratamente il Vostro template. Cliccate su tutti i link e chiedetevi se il Vostro template è aggiornato oppure contiene elementi ormai obsoleti. Mettete tutto in ordine scrupolosamente!

  4. Quando avete riscosso successo?
    Se siete già in procinto di controllare ed aggiornare i Vostri templates, chiedetevi anche in quali occasioni avete riscosso particolare successo: esaminate le singole newsletter nel Vostro archivio (le trovate sotto „Mailings “ => „Archivio“). Nell’archivio è disponibile una panoramica delle Vostre campagne email, suddivise ordinatamente per data e provviste dei più importanti dati di riferimento. Quali email sono state aperte particolarmente spesso? Il tasso di apertura consente di valutare la qualità dell’oggetto: un oggetto ben formulato è un ottimo invito ad aprire la newsletter. Altrettanto vale per il tasso di click: in quali newsletter è stata particolarmente alta? Esaminate le relative campagne email ancora una volta con attenzione – e fatene tesoro!

  5. Ottimizzate la Vostra pagina di iscrizione
    Diamo un’occhiata alla pagina di iscrizione: il formulario di iscrizione sulla Vostra pagina web riveste un’importanza speciale, perché si tratta del luogo in cui un interessato dovrebbe trasformarsi in un abbonato alle newsletter. Pertanto questa pagina andrebbe strutturata in modo particolarmente chiaro e semplice: banner, teaser ed inutili elementi di navigazione distraggono l’utente ed ostacolano il raggiungimento dell’obiettivo desiderato. È molto più importante far notare all’utente quali vantaggi otterrà abbonandosi alla newsletter e quali ragioni sussistono a favore dell’abbonamento. Date ai Vostri utenti la possibilità di esaminare campagne email precedenti e create un link con l’archivio delle newsletter. Ancora un piccolo consiglio: inserite il formulario di iscrizione in diversi punti della Vostra pagina web. Verificate in ogni caso se il Vostro formulario di iscrizione funziona correttamente: se non l’avete già fatto al punto 3, controllatelo ora. Un cattivo funzionamento può infastidire parecchio ed avere addirittura conseguenze giuridiche.

  6. Controllate e gestite liste di destinatari e segmenti
    Vi siete mai chiesti se con la Vostra newsletter raggiungete tutti i Vostri destinatari in modo ottimale? Un abbonato che si è iscritto tramite blog ha le stesse aspettative nei confronti della Vostra newsletter di un abbonato che Vi ha commissionato ordini o di un altro che ha compilato il formulario sulla pagina di iscrizione alla newsletter? Definite opportuni segmenti e create campagne email su misura per i rispettivi gruppi target. Potrete constatare che tempo e lavoro dedicati si tradurranno in crescenti tassi di apertura, click e conversione – e ciò che più conta: il tasso di disdette d’abbonamento diminuirà. Non potrebbe accadere nulla di meglio, non vi pare?

  7. Elaborate un piano di redazione
    Se non ne avete già uno, prendetevi cura di elaborare un piano di redazione, in cui i temi e le responsabilità siano ben definiti. Non è importante soltanto determinare tema, redattore e data di consegna. Vale la pena anche mettere in conto tempo per lavori di correzione e test, in modo da evitare di trovarsi in strettezze.

  8. Backup della lista dei destinatari
    Quest‘ultimo punto andrebbe eseguito non soltanto una volta all’anno. Se fino ad ora non ve ne siete occupati regolarmente, cogliete l’occasione delle pulizie di primavera per eseguire un primo backup delle Vostre liste di destinatari e mettervi così al sicuro. Realizzate un backup dei dati dei Vostri destinatari.

nessuna parola chiave
pubblicato: 17.03.2015

Tutti i post del Blog
%

Registratevi entro il 30.09.2021
e approfittate di un invio gratuito omaggio fino a 2.000 destinatari.

Registrazione gratuita